sampleImg

  • giu 24 2009

    Metzeler ancora sul libro dei record!

    No, non stiamo esagerando! Il merito di quest’altra incredibile conquista però, come sempre accade, non è solo ed esclusivamente dei nostri pneumatici, ma di un insieme, una squadra che ha fatto dell’eccellenza il suo standard di lavoro. Noi abbiamo messo le gomme, John Ryan e la sua Yamaha hanno messo il resto!

    Ho ritenuto necessaria questa emozionata premessa per raccontare l’incredibile prestazione che questo signore ha compiuto qualche giorno fa. Uno di quei record mondiali meno conosciuti ma importanti quanto quelli, gli altri, che invece godono di una copertura mediatica differente.

    John Ryan a bordo della sua Yamaha FJR 1300 del 2005 gommata con i Metzeler Z6 Interact sport-touring, ha attraversato l’intero Nord America in 5.191 minuti. Oppure, se volete, in 86 ore e 31 minuti. La sostanza non cambia!

    Il punto di partenza scelto era a Prudhoe Bay nella costa nord dell’Alaska; il traguardo invece, Key West in Florida. 5.645 miglia coperte con un tempo inferiore di 9,5 ore rispetto al precedente record.

    Se però pensate che l’impresa di Ryan sia stata uno scherzo date un’occhiata alla foto per capire cosa ha significato questa “scampagnata” per il fisico ed il suo mezzo meccanico.

    Ryan ha tentato l’impresa per ben tre volte a causa dei tanti problemi che in condizioni estreme possono sempre sopraggiungere. La prima volta è stata la neve ad impedire al pilota di avvicinarsi al punto di partenza scelto. La seconda, Ryan ha rovinato un pneumatico contro una roccia. La terza, invece, è stata la coppa dell’ olio a cedere sempre a causa delle pessime condizioni del manto stradale. Insomma, con la sua Yamaha “rattoppata” dai meccanici del posto, finalmente questo signore ha iniziato il suo viaggio percorrendo oltre 1.200 miglia sotto la pioggia, 400 miglia sul fango, compreso qualche errore di navigazione che lo ha portato “fuori rotta” per altre 120 miglia.

    Queste le sue parole: “Avrei potuto fare meglio, pensare che sono rimasto fermo per circa tre ore. Mi hanno fermato al confine dal Canada per un’ora e mezzo. E poi ho aggiunto distanza al viaggio nel Tennesee quando ho sbagliato strada. La moto e i pneumatici sono stati più che fantastici! Non solo hanno superato la distanza prevista ma mi hanno anche permesso di recuperare il tempo perso. Poi il serbatoio maggiorato ha causato un carico maggiore sui pneumatici. Durante il percorso mi hanno aiutato più di 100 persone e sono in debito con loro, con Metzeler e con Yamaha.”

    E noi di Metzeler non possiamo che essere grati e fieri per aver contribuito all’impresa di John!

ROAD RACING 2014

ultimi commenti

iscriviti