sampleImg

  • mar 16 2009

    Metzeler Tornante 5 – Metzeler Supersport

    E rieccomi a raccontarVi un altro prodotto eccezionale: lo Sportec M3!
    Ebbene le moderne moto del segmento Supersport hanno raggiunto valori in termini di prestazioni che consentono l’utilizzo di espressioni come “Race replica bikes”: le potenze in campo sono aumentate e allo stesso tempo le Case hanno lavorato sul peso, fino a raggiungere rapporti peso/potenza vicini a 1 impensabili per un mezzo di normale produzione (ci stanno arrivando anche gli scooteroni, quasi…!!!).

    Questa ricerca di prestazioni si accompagna, però, alla richiesta di un pneumatico che consenta un buon chilometraggio e offra buone performance nel suo intero arco di vita.

    La tecnologia Metzeler si conferma al vertice della categoria con l’M3, progettato con diverse soluzioni innovative che ne fanno UN riferimento nel suo segmento:

     

    - Mescola differenziata tra anteriore e posteriore (questo non significa bi-mescola come erroneamente si legge su alcuni forum…. :-o ) per assicurare la massima precisione di guida e grip. Una mescola all’anteriore con coefficiente d’attrito studiato per assorbire la spinta del posteriore, che conta su una componente di Silice ad alta resistenza che garantisce una veloce entrata in temperatura ed elevata trazione sul bagnato.

    - Tecnologia CMT (Contour Modelling Technology) ossia tecnologia che studia la forma del profilo. All’anteriore troviamo un profilo arrotondato e lineare sulla spalla, mentre al posteriore una curvatura differenziata dalla corona alla spalla assicura la massima superficie di appoggio ad ogni inclinazione.

    - Struttura brevettata di fili d’acciaio disposta a zero gradi verso il senso di marcia per avere la risposta delle spalle del pneumatico anteriore più morbida, in modo da aumentare la confidenza ed il feeling del pilota, mentre al posteriore è stato ottimizzato il comportamento della struttura in funzione del nuovo profilo, in modo da offrire alle diverse inclinazioni l’appoggio necessario alle elevate potenze erogate dai recenti modelli di moto Supersportive.

    Ma visto che questo post deve anche “formarvi un po’ sulle terminologie tecniche”(non vi offendete, probabilmente questi termini sono noti a quasi tutti già dalle prime smanettate da 14enni) vi scrivo in inglese-tecnico quelle che sono le prestazioni garantite dallo Sportec M3:

     

    -1 Dry grip, tenuta su asciutto (gran quantità di gomma a terra!)
    -2 Handling, maneggevolezza (in entrata e uscita curva, come nel traffico cittadino)
    -3 Wet performance, prestazioni sul bagnato (Silice in abbondanza!)
    -4 Mileage, chilometraggio (incredibile, nonostante le prestazioni da vero sportivo, assicura ottime percorrenze!!!)

    Per la prossima volta mi piacerebbe proprio darvi qualche info sul pneumatico off-road che ha vinto 3 di 4 categorie nel campionato del Mondo Enduro: il 6 Days Extreme!!! Che ne dite?

    LAMPS

  • mar 02 2009

    Metzeler Tornante 3 – Roadtec Z6 con tecnologia INTERACT

    Della serie ‘chiedete e vi sarà dato’ seguo il suggerimento di Iraton e in questo terzo appuntamento vi parlerò del pneumatico Sport-Touring per eccellenza … il Roadtec Z6 con tecnologia INTERACT!

    Grazie alla tecnologia INTERACT™ è stato possibile raggiungere un nuovo equilibrio capace di smorzare e di reagire in modi differenziati agli impulsi delle nuove moto sport-touring di ultima generazione.

    Confidenza, flessibilità e adattabilità: ROADTEC Z6 INTERACT™ unisce in sè il meglio dell’esperienza Metzeler nel segmento dello sport touring radiale, andando a migliorare le performance stabilite dallo Roadtec Z6, campione in termini di durata (Vedi l’esperienza del nostro amico Marcello Carucci ITALIA-KAZAKISTAN), maneggevolezza e grip in tutte le condizioni.

    La caratteristica che più piace del ROADTEC Z6 INTERACT™ è la flessibilità, si tratta infatti di un pneumatico capace di sostenere una coppia elevata con qualunque angolo di piega e di assicurare al pilota la possibilità di guidare in modo sportivo sia in ambienti extraurbani che nella giungla cittadina (stile sportivo). Flessibilità ma anche stabilità sia alle alte velocità come richiesto nelle lunghe percorrenze, con bagagli e con un passeggero a bordo (stile turistico); sia alle basse velocità mantenendo la capacità di districarsi nel traffico anche a cavallo di una pesante moto sport touring (stile urbano).
    In particolare, l’intero sistema è stato creato per riflettere le differenti caratteristiche delle diverse moto.

    Ma come siamo riusciti a ottenere questo?
    Ancora una volta il miglioramento è dovuto alla tecnologia INTERACT, come sul pistaiolo Nuovo RACETEC … Però – come confermerete – le esigenze dei motociclisti da strada/turismo e di quelli racing sono diametralmente opposte … Ecco perché la cintura d’acciaio a 0° nel Roadtec Z6 INTERACT è studiata per enfatizzare l’interazione con la mescola e massimizzare:

    • la durata della parte centrale del pneumatico

    • il livello di grip sulle spalle, in piega ovviamente!

    • il comfort grazie alla capacità di ammortizzare le irregolarità del manto stradale (ricordate sempre: la strada non è una pista!!!…anche per quanto riguarda la qualità dell’asfalto!

    Tutto questo si è ottenuto in questo caso con una maggiore tensione della “famigerata” bandina in acciaio che risulta essere:

    • più tesa nella parte centrale per ridurre i micro-movimenti della carcassa con la conseguente riduzione di riscaldamento della mescola sul dritto – ed evitare lo spiattellamento soprattutto nei lunghi viaggi a pieno carico;

    • meno rigida sulle spalle per accrescere i micro-movimenti della cintura in acciaio: sia per scaldare la mescola ed avere maggiore grip in piega, ma anche per accrescere l’ammortizzamento del pneumatico e il conseguente comfort del pilota.

    Anche per il ROADTEC Z6 Interact strategico è il perfetto bilanciamento della Mescola, garante di ottima tenuta su asciutto, bagnato e resa chilometrica.
    La mescola dello Z6 Interact è sostanzialmente molto più fine per garantire un’elevata interazione con la struttura interna e, incredibile ma vero (lo so sto diventando un po’ troppo ingegnere, torno subito con la testa tra i comuni mortali :-) , copia meglio l’asfalto e le sue asperità grazie alla sua maggiore quantità di gomma in appoggio, che si traduce in più tenuta!
    A tutto questo unite il fatto che un 65% della mescola è composta da Silice e resine dedicate per migliorare il comportamento sul bagnato in modo da assicura un maggiore grip con tutte le temperature nonché una guida sicura.

    BECCATEVI ANCHE IL VIDEO DEL LANCIO DELLO Z6 IINTERACT SULL’ISOLA Di MAN, che dire, non fareste un salto anche voi sull’isoletta per farvi due belle pieghe?

    Ragazzi…a questo punto abbiamo parlato sia di un prodotto da pista che di uno per il mototurista (quello sportivo, eh!)…come volete che procediamo? Volete proporre voi? O decido io?
    Fatevi sotto!

    LAMPS
    “Tornante”

  • feb 23 2009

    Metzeler Tornante 2 – Il nuovo Racetec

    Cari amici, eccoci al nostro secondo appuntamento!
    Come ben sapete, in tutti i settori ma sopratutto nel mondo delle competizioni motociclistiche, a far la differenza è l’innovazione. Che tradotto vuol dire che i pneumatici devono avere caratteristiche in grado di ottimizzare le prestazioni delle nuove moto da pista.
    Metzeler ha un’area di ‘Ricerca e Sviluppo’ che non si ferma mai, e la nostra tecnologia proprietaria – la tecnologia INTERACT (TM) l’ultimo step dell’evoluzione della cintura a 0° in acciaio – non poteva non essere adottata anche per il nuovo RACETEC.

    Proverò ad essere chiaro e sintetico.
    Molti di voi già sanno che 1 – il tensionamento variabile della cintura in acciaio 0° garantisce una distribuzione progressiva della pressione e assicura il massimo delle performance ad ogni angolo di piega; 2 – l’area centrale del battistrada deve permettere di scaricare tutta la coppia a terra (in accelerazione e frenata); 3 – l’area di impronta deve essere il più possibile larga: meno tensione della bandina sull’area della corona crea più flessibilità e quindi una maggiore capacità di assorbire energia: il pneumatico aderisce meglio alla superficie asfaltata poiché l’impronta è maggiore.
    Detto ciò, in pista quando si piega il pneumatico è soggetto a forte pressione (peso della moto e forza centrifuga) di qui l’importanza dell’elevata rigidità della bandina sulla spalla che assicura la massima e uniforme pressione nell’area di contatto: questo fa si che la traiettoria sia sempre precisa anche durante le staccate più difficili e le curve più veloci.
    Il numero delle bandine d’acciaio garantisce una differenziazione omogenea delle performance evitando qualsiasi “effetto scalino” tipico dei pneumatici bimescola.
    Ebbene questa variazione ottimizzata dell’impronta a terra al variare dell’angolo di piega permette la migliore e progressiva reazione.

    In tutto questo però non possiamo dimenticare che la tecnologia INTERACT non riguarda solo la struttura ma anche la mescola e la “INTERAZIONE” tra le due componenti.
    Il nuovo RACETEC adotta l’ultima generazione di mescole a bassa componente termo-plastica. Questo significa che i materiali plastici e le resine sono state selezionate per diventare il nuovo punto di riferimento per la combinazione del grip e delle mescole, e per la morbidezza anche con basse temperature e resistenza.
    Per i piloti tutte queste innovazioni si traducono in un warm-up più veloce e in un maggior grip, ma soprattutto in performance ottimali non solo per il turno di prova, bensì per tutta la gara.

     

    A questo punto cari amici ditemi … volete qualche “lezione” nella scelta delle mescole del Nuovo RACETEC o continuo a parlarvi della tecnologia INTERACT applicata anche al settore Sport Touring con il Roadtec Z6 Interact? A voi la scelta!
    Se avete domande o non sono stato chiaro ricordate che sono a vostra disposizione!

    Lamps … Tornante

    [1] Area di corona: termine un po’ più tecnico per indicare la parte centrale del battistrada rispetto alle spalle.(quella che va in contatto ogni qualvolta si va dritto)

    [2] Le bandine in acciaio formano la cintura 0°, così detta perché orientata secondo il senso di rotazione del pneumatico.

ROAD RACING 2014

ultimi commenti

iscriviti