sampleImg

  • dic 27 2013

    Metzeler 4 Xmas: speciale strada

    action-8

    L’appuntamento odierno, sempre rivolto alla gamma di pneumatici Metzeler, è dedicato ai prodotti prettamente stradali e quindi, in particolare, alle gomme ove le qualità richieste dall’utenza vertono sulla prestazione pura. Fanno parte di questa famiglia elitaria pneumatici come i Racetec Interact K3, gli Sportec M5 Interact, gli Sportec M3 e i nuovissimi Sportec M7 RR. Quattro tipologie di prodotto altamente prestazionali che rappresentano l’offerta Metzeler per gli utenti che prediligono la guida sportiva, il turismo di media distanza e la pista. Tutti pneumatici capaci di addomesticare la potenza ormai brutale delle moderne maxi stradali che con facilità estrema superano la soglia dei 120 cavalli.

    Immagine 2

    La scelta dell’uno o dell’altro pneumatico è suggerita in particolar modo dal tipo di guida adottato dall’utente finale. All’apice della sportività capeggiano i Racetec K3, a seguire la “famiglia” Sportec con gli M7, sviluppati durante l’esperienza vincente nelle Road Racing, nuovo riferimento per gli pneumatici “stradali”. Adatti anche all’uso in pista gli Sportec, tutti, danzano con disinvoltura tra i cordoli di un circuito garantendo al contempo eccellenti percorrenze chilometriche e ottimo grip anche in condizioni di bagnato!

  • ott 11 2012

    Metzeler Safety Day On Track – I commenti degli Istruttori Federali

    Dopo aver ascoltato il parere di alcuni dei partecipanti al Metzeler Safety Day On Track 2012, non potevamo concludere la giornata di venerdì senza scambiare due chiacchiere anche con gli istruttori BMW della Scuola Federale ASC di Vairano, coloro che si sono presi cura della sicurezza in pista di tutti i biker presenti.

    Oggi abbiamo accompagnato in pista circa un centinaio di appassionati seguendo sempre quelle che sono le nostre procedure per insegnare, in estrema sicurezza. Dividendo i partecipanti in gruppi da 7-8 piloti, quello che chiediamo è di mantenere sempre la propria posizione di partenza senza superare chi sta davanti e… ovviamente neanche l’istruttore (ride ndr). L’obiettivo della giornata è infatti far divertire chi scende in pista cercando di far girare sempre entro degli standard di velocità ragionevolmente elevati affinché tutti, anche i più esperti e quindi più veloci, possano partecipare. Per raggiungere tale risultato cerchiamo di uniformare i gruppi affinché tutti i piloti si confrontino con altri piloti di pari abilità.
    Ripensando ad oggi, rimaniamo ancora stupiti dall’entusiasmo della gente. Credo che la cosa più piacevole sia offrire la possibilità agli appassionati di frequentare giornate di questo tipo proposte a dei costi contenuti. Inoltre è importante dare loro l’opportunità di seguire un istruttore che per alcuni potrebbe “mortificare” le aspettative corsaiole, ma contestualmente garantisce a tutti i partecipanti di trascorrere una giornata in totale sicurezza abbassando drasticamente i rischi di cadute. Basti pensare che su oltre cento partecipanti abbiamo avuto solamente tre uscite sull’erba senza conseguenze!

  • ott 08 2012

    Metzeler Safety Day On Track.. i commenti dei partecipanti!

    Trascorso il weekend, non potevamo non iniziare la settimana riprendendo da dove c’eravamo lasciati: il Metzeler Safety Day On Track di venerdì 5 ottobre. L’occasione c’è gradita per ringraziare gli oltre cento motociclisti che hanno sfidato un meteo non del tutto convincente per scendere in pista con noi e allietare con il loro entusiasmo la giornata trascorsa a Vairano.

    Per rendere loro omaggio, non potevamo certo intervistarli tutti (avrebbero dovuto saltare qualche turno in pista e non ce l’avrebbero perdonato), abbiamo raccolto alcune impressioni sulla giornata.

    Matteo Mascetti – Honda CB 1000 anno 2009
    La giornata di oggi è stata gestita molto bene; trovo intelligente la suddivisione per livelli di capacità/velocità e il costo è assolutamente fantastico. Chi è abituato a girare in pista sa bene che facendo due/tre sessioni si spendono cifre davvero importanti.

    Oggi sono stato inserito nel Gruppo B. Per quella che è la mia esperienza con questa moto, mi sono trovato nel gruppo giusto. Gli istruttori vanno forte, si viaggia davvero! Ero quasi al limite (sorride). L’impressione è che senza una maxi sportiva nel gruppo A si sta con fatica. Gli istruttori nonostante usino dei mezzi apparentemente meno performanti rispetto alle moto di molti appassionati, eccetto la S 1000 RR, non fanno testo, camminano troppo e con qualsiasi mezzo!

    Per chi non ha mai girato in pista una giornata come il Metzeler Day è assolutamente formativa e impegnativa perché anche i gruppi più lenti vanno forte. Ce ne siamo resi conto quando li raggiungevamo e sorpassavamo. Personalmente se non avessi fatto delle precedenti giornate di formazione in pista, oggi avrei fatto fatica. Per intenderci, lo “smanettone” su strada senza esperienza in pista, come velocità, almeno inizialmente, avrebbe difficoltà a seguire sia il gruppo A, sia il gruppo B.

    Sulla mia Honda ho montato i Metzeler Racetec K3 Interact. Ho percorso sino ad ora circa 1500 chilometri; rispetto agli pneumatici precedenti (concorrenza giapponese) mi sono trovato molto meglio. Il set che avevo erano gomme estreme ma capitava spesso di avere la sensazione di scivolare, cosa che non accade con i K3. Nell’utilizzo su strada i K3 hanno un tempo di warm up velocissimo, scendono molto velocemente in piega e nei cambi di direzione sono fulminei.

    Mi capita di andare in pista tre o quattro volte l’anno mentre nei weekend faccio uscite relativamente brevi su percorsi tortuosi; solitamente scarto autostrade e lunghe percorrenze.

    ZE – Motoclub Ting’ Avert – CB 1000R anno 2011
    È la prima volta che partecipo a questa manifestazione. L’organizzazione mi è sembrata ottima, peccato per la pioggia, anche se la pista si è asciugata velocemente. A proposito del tracciato mi sarebbe piaciuto farlo tutto invece abbiamo utilizzato il layout ridotto che comunque ho apprezzato. Sono stato fortunato perché sono sempre capitato in turni con poche persone per istruttore e questo mi ha consentito di seguire al meglio le traiettorie e il ritmo imposto.

    Ho trovato molto corretta l’idea di suddividere i partecipanti in gruppi anche se all’inizio è capitato che la velocità dei singoli non fosse omogenea. Via via, nel corso della giornata, sono stati fatti degli aggiustamenti.

    Io ero nel gruppo B dei “semi professionisti”; non ero il più veloce ma il livello era quello giusto. Ho la patente da quando ho sedici anni ma sono decisamente più “stradale” che assiduo frequentatore di piste. Solitamente percorro dai 6000 ai 1000 chilometri all’anno.

    La mia impressione di motociclista con esperienza, è che il gruppo B rappresenti davvero un bel target sul quale attestarsi. In particolare negli ultimi giri, man mano che il ritmo aumentava, riuscivo a “tenere” solamente impegnandomi molto. Diciamo che il mio ritmo era un filo inferiore a quello imposto dall’istruttore, ma se fossi andato in un altro gruppo mi sarei divertito meno e avrei appreso ben poco.

    Sempre meglio trovarsi in una condizione in cui puoi migliorare piuttosto che fare il primo della classe e imparare poco.

    Nei miei giri migliori ho ricevuto degli ottimi feedback dall’istruttore. Nei giri nei quali non avevo il suo riferimento, invece, probabilmente sono stato meno preciso nelle linee.
    Sulla mia Honda monto gli Sportec M5 Interact, prima avevo le M3. Tra le prime e le seconde ho notato delle differenze soprattutto nella resa chilometrica che sinceramente non mi aspettavo, e una costanza di rendimento davvero notevole. Non ho optato per pneumatici più prestazionali perché vado in pista poche volte all’anno e utilizzo la moto in tutte le condizioni meteo. Pertanto, le M5 mi sono sembrate, a ragione, il miglior compromesso possibile.

    Tricky 86 – Motoclub Ting’ Avert - CBR 600RR anno 2007
    Mi sono lasciata sorprendere dalla giornata. Non avevo pretese e l’idea era quella di godermi ogni singolo momento. A parte oggi, in pista sono andata solo una volta. Mi sono piaciuti molto i briefing teorici mentre nella guida ho avuto qualche difficoltà perché inizialmente sono capitata in un gruppo eccessivamente veloce.

    Nel gruppo successivo invece, classificazione D, mi sono trovata più a mio agio e anche l’istruttore mi ha dato qualche suggerimento per migliorare tecnica e traiettorie.
    Non faccio molti chilometri all’anno perché ora non utilizzo più la moto per andare a lavoro. Ho deciso di iscrivermi al Metzeler Safety Day On Track perché c’era la possibilità di girare con gli istruttori, fare pause, ascoltare i consigli e riprendere con calma la pista. Diversamente non sento di avere né la preparazione tecnica né quella fisica per affrontare un’intera giornata in circuito. Nel mio caso l’istruttore ha suggerito di modificare leggermente la postura.

    Sulla mia Honda ho montato gli Sportec M3 e sono anche il mio primo treno di pneumatici Metzeler. Mi trovo molto bene.

  • ott 05 2012

    Metzeler Safety Day on Track… si va!

    A Vairano la giornata in pista con Metzeler prosegue. Il parco moto è degno di un salone internazionale; sono presenti tutti i generi, naked, maxi enduro, supersport e race replica e anche la gamma degli pneumatici impiegati è piuttosto varia. Se dovessimo fare una statistica veloce, potremmo affermare con buona probabilità di successo che i Racetec, in particolare nelle varianti K2 e K3, “calzano” il 65% delle moto presenti. Segue a ruota, è proprio il caso di dirlo, lo Sportec M5 Interact per il 30% e Roadtec Z8 Interact e Rennsport per il 2,5% a ciascuno.

     

    A metà mattina anche Dainese, ospite dell’evento, ha presentato le caratteristiche del sistema D-Air. Esposto anche il “gilet” pensato per la guida su strada del quale parleremo presto.

     

    Tra pochi minuti l’attività in pista riprenderà. La temperatura è piacevole e un timido sole, di tanto in tanto, sorride alla giornata. Che la pausa pranzo sia finita lo capiamo dall’urlo della BMW S 1000 RR degli istruttori che spezza il chiacchiericcio confuso e appassionato dei nostri ospiti.

     

    Via in pista!

     

  • mar 04 2011

    Metzeler Interact Challenge, dynamic tyre test

    E’ tempo di fare sul serio! Chiusa la parentesi di prove e test dei nostri pneumatici, svolte con il prezioso contributo degli amici della community Metzeler del quale abbiamo ampiamente scritto diverse settimane fa, adesso si cambia registro! Un parco moto d’eccezione equipaggiato con tutte le tipologie di prodotto Metzeler aventi “pedigree” Interact. Il resto dell’incombenza, del faticoso lavoro richiesto, ma necessario, spetterà agli amici che calcheranno l’asfalto del circuito di Cartagena alla fine di marzo in Spagna. L’obiettivo è uno solo, sottoporre la “famiglia” dei pneumatici dotati di tecnologia Interact al severo giudizio dei piloti che inviteremo al nostro test dinamico.

     

     

    Le informazioni relative alle altre eventuali location individuate e prossime al circuito, alla tipologia di prove scelte, al livello di difficoltà e agli ospiti, non possono ancora essere rivelate. Il programma è in via di definizione, ma mantenete alto il vostro livello di guardia su Ridexperience.it, molto presto infatti, verranno comunicati altri interessanti dettagli!

ROAD RACING 2014

ultimi commenti

iscriviti