sampleImg

  • ott 15 2012

    Husqvarna Motorcycles, successo commerciale per il 2012

    La notizia questa volta non è legata al trend complessivo (e negativo) del mercato motociclistico, tanto meno al successo che BMW Motorrad sta conseguendo di mese in mese. L’informazione rilevante, piuttosto, è che anche Husqvarna Motorcycles (il secondo marchio di moto del BMW Group), da gennaio a settembre, ha consegnato un totale di 7.355 veicoli superando il dato del 2011 (6.079 unità) del 21,0%.

     

    Rispetto all’anno passato, al momento, solo il mese di settembre risulta negativo con solo 1.255 unità vendute.

     

    L’INTERMOT appena conclusosi ha rappresentato l’occasione per presentare al mondo, in anteprima mondiale, i due nuovi modelli della casa (dei quali abbiamo già ampiamente parlato), ovvero i monocilindrici TR 650 Terra e TR 650 Strada dotati degli pneumatici Metzeler come primo equipaggiamento. Accanto a loro ha dato bella mostra di sé anche la NUDA 900 equipaggiata con gli Metzeler Sportec M5 Interact, oggi dotata di sistema frenante ABS. Con questi nuovi quattro modelli, a partire dall’autunno 2012, Husqvarna ha ampliato la gamma di moto sportive road-oriented, tutte rigorosamente gommate Metzeler!

  • lug 16 2012

    Husqvarna TR 650 Strada e TR 650 Terra

    Con cospicuo anticipo rispetto agli appuntamenti dei saloni internazionali che allieteranno l’autunno degli appassionati di motociclette, Husqvarna prende vantaggio sulla concorrenza e “spara” due novità davvero interessanti: la TR 650 Strada e la TR 650 Terra.

     

    I nuovi modelli ripropongono in chiave intelligente un mezzo che con gli opportuni adattamenti si trasforma da motard a enduro, senza perdere di vista il segmento di mercato nel quale, facilmente, diverrà un interessante punto di riferimento.

     

    Le due moto si distinguono per l’elevata agilità e dinamicità di guida. La loro struttura è snella e dal design essenziale e dinamico adatto sia all’impiego off-road non troppo impegnativo, sia al divertimento su asfalto nei percorsi ricchi di curve, staccate e brusche accelerazioni. Caratteristica dei due modelli è il peso relativamente basso, il potente motore monocilindrico e la ciclistica maneggevole e stabile.

     

    A livello tecnico la TR 650 Strada e la TR 650 Terra si basano sull’affidata tecnologia della G 650 GS di BMW Motorrad. Per il loro utilizzo Husqvarna ha scelto il monocilindrico raffreddato ad acqua con due alberi a camme in testa e una cilindrata di 652 cm³; il propulsore ha subito un’iniezione di potenza e ora esprime 58 CV a 7 250 g/min con una coppia massima di 60 Nm a 5 750 g/min.

     

    Gli stessi modelli saranno proposti anche per i neopatentati fino a 25 anni; a tal proposito come optional ex fabbrica viene offerta una variante a potenza ridotta da 35 kW (48 CV) a 7 250 g/min che eroga, invece, una coppia di 54 Nm a 5 750 g/min.

     

    Tra gli interventi di ottimizzazione, il motore ha subito una rivisitazione sul sistema elettronico dell’iniezione di carburante, degli alberi a camme e del rapporto geometrico di compressione.

     

    I modelli Husqvarna TR 650 Strada e TR 650 Terra hanno un telaio in travi di acciaio con telaietto posteriore e rinforzo inferiore avvitato al motore. La sospensione della ruota anteriore ha una forcella telescopica a steli rovesciati dal diametro di 46 millimetri. La ruota posteriore viene guidata da un forcellone a doppio braccio ad alta resistenza torsionale e da un monoammortizzatore centrale collegato attraverso un sistema di leveraggi. L’Husqvarna TR 650 Strada è equipaggiata con ruote in lega di alluminio e pneumatici Metzeler Tourance EXP; l’Husqvarna TR 650 Terra è equipaggiata con cerchi a raggi in lega leggera e pneumatici Metzerler Enduro 3 Sahara.

     

    La nuova Husqvarna TR 650 Strada è equipaggiata di serie con ABS, mentre per la nuova Husqvarna TR 650 Terra l’ABS è disponibile come optional franco fabbrica. Per la guida in condizioni particolari l’ABS è disattivabile.

  • apr 03 2012

    Metzeler sbaraglia la concorrenza nel secondo appuntamento del WEC 2012!

    Secondo appuntamento della stagione WEC e nuova conferma per Metzeler che ha allungato la striscia di successi colti dai suoi pneumatici, gli Six Days Extreme, sia nella classe E1, sia nella Classe E3. In entrambe le categorie Metzeler ha fatto il pieno!

     

    Nella E1 Antoine Meo, pilota KTM, si è aggiudicato le prove di sabato e domenica scorsi davanti a un altro pilota Metzeler, Simone Albergoni, che ha concluso la gara giungendo una volta terzo e una volta secondo. Gli altri piloti Metzeler, Eero Remes e Rodrig Thain, hanno guadagnato rispettivamente un terzo posto e un quinto e sesto posto.

     

    Nella E3 invece, tutto uguale! Christophe Nambotin, pilota KTM – Metzeler, ha conquistato altri due successi nelle manche di sabato e di domenica. Dietro di lui con due secondi posti nelle prove del weekend un altro nostro pilota, David Knight, anch’egli motorizzato KTM.

     

    Nelle due classi E1 e E3, nei primi due posti della classifica generale piloti, ci sono solo uomini Metzeler!

     

    Infine, nella classe E2, Metzeler ha conquistato due secondi posti con Cristobal Guerrero e un terzo posto, il sabato, con Johnny Aubert.

     

    Il bilancio Metzeler del weekend disputato a San Juan, in Argentina, si chiude quindi con quattro vittorie (due con Meo e due con Nambotin), cinque secondi posti (Knight due volte, Albergoni, Guerrero due volte) e tre terzi posti (Aubert, Albergoni, Remes).

     

    Il tour americano del WEC è stato grandioso. In una sola settimana i Metzeler Six Days Extreme hanno totalizzato complessivamente 8 vittorie, 8 secondi posti e 4 terzi posti. Per il prossimo appuntamento ci sarà da aspettare; si correrà in Europa, in Spagna, solamente il 5 maggio prossimo.

     

    Sabato:
    Classe E1: Antoine MEO (KTM, Metzeler), Marc BOURGEOIS (Yamaha), Simone ALBERGONI (HM Honda, Metzeler).
    Classe E2: Ivan CERVANTES (Gas Gas), Cristobal GUERRERO (KTM – Metzeler), Johnny AUBERT (KTM, Metzeler).
    Classe E3: Christophe NAMBOTIN (KTM, Metzeler), David KNIGHT (KTM, Metzeler), Joakim LJUNGGREN (Husaberg).
    Classe EJ: Jonathan MANZI (KTM), Mathias BELLINO (Husaberg) Kevin BENAVIDES (KTM, Metzeler).
    Classe EY: Giacomo REDONDI (KTM), Benjamin HERRERA (TM), Stefano CAIMI (Yamaha).

     

    Domenica:
    Classe E1: Antoine MEO (KTM, Metzeler), Simone ALBERGONI (HM Honda, Metzeler), Eero REMES (KTM, Metzeler).
    Classe E2: Juha SALMINEN (Husaqvarna), Cristobal GUERRERO (KTM, Metzeler); Ivan CERVANTES (Gas Gas).
    ClassE E3: Christophe NAMBOTIN (KTM, Metzeler), David KNIGHT (KTM, Metzeler), Joakim LJUNGGREN (Husaberg).
    Classe EJ: Jonathan MANZI (KTM), Mathias BELLINO (Husaberg), Kevin BENAVIDES (KTM, Metzeler).
    ClassE EY: Giacomo REDONDI (KTM), Benjamin HERRERA (TM), Stefano CAIMI (Yamaha).

  • mar 28 2012

    WEC 2012 – Cile: nella prima tappa mondiale Metzeler domina nelle classi E1 ed E3

    Caldo è anche sinonimo di motociclismo e con l’arrivo della primavera coincide la partenza di tutti i campionati più importanti in ambito motociclistico. Domenica scorsa è stata la volta del CIV (del quale abbiamo già parlato) e del mondiale Enduro, un’altra specialità nella quale Metzeler fa sempre bene!

     

    A ribadire l’affidabilità degli pneumatici Six Days Extreme e le loro eccezionali performance ci hanno pensato i piloti Metzeler che hanno conquistato il gradino più alto del podio nelle classi E1 ed E3.

     

    Nella prima gara del Campionato Mondiale Enduro 2012, disputata a Talca, in Cile, Metzeler ha ottenuto i suoi successi grazie ad Antoine Meo nella classe E1 e a Christophe Nambotin che ha centrato un grandioso “due su due” nella classe E3 nelle prove di sabato e domenica.

     

    Antoine Meo, nuovo pilota ufficiale del team KTM, al momento ha in tasca 40 punti, 8 in più rispetto al suo avversario diretto e pilota ufficiale HM Honda, Rodrig Thain, anch’egli gommato Metzeler e “reduce” da un 2° e un 3° posto nella competizione. Simone Albergoni, invece, il secondo giorno, è salito sul 2° gradino del podio.

     

    Nella categoria E3, Christophe Nambotin, su KTM equipaggiata con Metzeler Six Days Extreme, ha vinto entrambe le giornate e, come Meo in E1, conduce con 40 punti la classifica iridata davanti al suo diretto avversario Aigar Leok. Nella seconda giornata, David Knight, altro pilota Metzeler, ha conquistato il 2° posto.

     

    La sintesi del weekend Metzeler, quindi, vede quattro vittorie (due con Meo e due con Nambotin), tre secondi posti (Knight, Albergoni, Thain) e un terzo posto (Thain). Per quanto riguarda gli altri piloti Metzeler, l’ex-Crossman Manuel Monni, al suo debutto nel WEC, ha conquistato due ottavi posti, mentre il pilota del team HM Honda, Karl Svensson, ha ottenuto un 5° piazzamento nella prima giornata. Kevin Benavides, infine, ha avuto un inizio brillante cogliendo un 4° posto nella prima giornata e un 5° nella seconda.

     

    Prossimo appuntamento iridato per il weekend venturo sarà a San Juan, in Argentina. Avanti così!

     

    Sabato:
    Class E1: Antoine MEO (KTM, Metzeler), Rodrig THAIN (HM Honda, Metzeler), Marc BOURGEOIS (Yamaha);
    Classe E2: Juha SALMINEN (Husqvarna), Ivan CERVANTES (Gas Gas), Oscar BALLETTI (Beta);
    Classe E3: Christophe NAMBOTIN (KTM, Metzeler), Aigar LEOK (TM), Oriol MENA (Husaberg).
    Classe EJ: Mathias BELLINO (Husaberg), Dany MCCANNEY (Gas Gas), Alexandre QUEYREYRE (Yamaha).
    Classe EY: Benjamin HERRERA (TM), Giacomo REDONDI (KTM), Stefano CAIMI (Yamaha).

     

    Domenica:
    Classe E1: Antoine MEO (KTM, Metzeler), Simone ALBERGONI (HM Honda, Metzeler), Rodrig THAIN (HM Honda, Metzeler);
    Classe E2: Pierre-Alexandre RENET (Husaberg), Ivan CERVANTES (Gas Gas), Alex SALVINI (Husqvarna);
    Classe E3: Christophe NAMBOTIN (KTM, Metzeler), David KNIGHT (KTM, Metzeler), Aigar LEOK (TM).
    Classe EJ: Mathias BELLINO (Husaberg), Victor GUERRERO (KTM), Dany MCCANNEY (Gas Gas).
    Classe EY: Giacomo REDONDI (KTM), Benjamin HERRERA (TM), Santiago ISAZA (KTM).

  • mar 13 2012

    Ducati riferimento assoluto per il mercato tedesco

    I dati parlano chiaro, comunque venga letta, la classifica stilata dalla rivista Motorrad decreta indiscutibilmente un trionfo tricolore! Come ogni anno, con oltre 110 mila copie vendute, il mensile tedesco indice un sondaggio tra i suoi lettori per definire, secondo diverse categorie, le moto che più hanno solleticato le fantasie del pubblico.

     

    Il sondaggio 2012 ha visto pervenire ben 39.084 schede (circa 11 mila in più rispetto al 2011) che hanno permesso di stilare la ”Motorrad des Jahres 2012”. Sebbene giocassero “fuori casa”, il pubblico tedesco ha celebrato le novità Ducati riconoscendo al marchio di Borgo Panigale tre successi, o leadeship, nelle otto categorie in concorso.

     

    Ducati ha primeggiato in assoluto come brand che ha conquistato maggiori preferenze e ha spopolato nella categoria relativa alle “Moto sportive” con la 1199 Panigale (41,2% delle preferenze), davanti alla BMW S1000RR; nella categoria “Naked Bikes” grazie alla Diavel Cromo (9,7% dei voti), davanti alla Triumph Speed Triple; nella categoria “Allrounder” con la Multistrada 1200 S Touring (23,9% dei voti), davanti alla BMW K 1300 S. Infine, nella categoria “Enduro/Supermoto” la BMW R 1200GS/Adventure (22% dei voti) ha superato un’altra Ducati, l’Hypermotard 1100 EVO SP (11% dei voti). Nella stessa categoria, l’Husqvarna 900 Nuda, al debutto assoluto, si è classificata al terzo posto.

     

    Per la cronaca, nella categoria “Touring”, BMW ha piazzato due moto nei primi due posti con le K 1600 GT e K 1600 GTL (25,1% dei voti) davanti alla R 1200 RT (14,6%).

     

    Sempre secondo i lettori di Motorrad, Ducati si è aggiudicata sia il premio relativo al miglior marchio sportivo 2012, con una percentuale del 77% davanti a un podio tutto italiano composto da Aprilia e MV Agusta, rispettivamente al secondo e al terzo posto, sia il riconoscimento per lo stile e il design “good look 2012″ davanti, nuovamente, questa volta a posizioni invertite, a MV Agusta e Aprilia. Infine, nella “gran finale” relativa al “marchio preferito 2012″, Ducati (52%) ha preceduto BMW e Triumph.

ROAD RACING 2014

ultimi commenti

iscriviti