News
Honda, avanti nella sicurezza attiva!

10 luglio 2012

Honda, avanti nella sicurezza attiva!

Lavorare sulla sicurezza stradale ormai è un imperativo assoluto, per tutti! Qualsiasi casa impegnata nel settore automotive dà il suo contributo sul tema. Ieri, per esempio, abbiamo parlato di BMW Motorrad e di come la casa tedesca intenda anticipare i tempi introducendo l’ABS su tutti i suoi modelli 2013.

 

Oggi, saltando dalla Germania al Giappone, parliamo di una moto e di una soluzione alla quale, probabilmente, non si è dato eccessivo risalto. Lo sviluppo degli airbag, infatti, ha corso su due canali differenti e paralleli. Da una parte, le case dedite alla realizzazione dell’abbigliamento tecnico hanno sviluppato questo sistema inserendolo nelle giacche o nelle tute; dall’altra, qualcuno, e in particolare la Honda, ha pensato che almeno per una determinata categoria di mezzi, le grandi moto da viaggio, l’airbag potesse essere alloggiato direttamente sul veicolo.

 

Per questo, considerando che i temi legati alla sicurezza stradale sono cari anche a Metzeler che sviluppa e migliora costantemente i suoi prodotti, grazie ad un’analisi svolta da Sicurauto.it siamo andati a dare un’occhiata da vicino alla soluzione sperimentata da Honda nella sua maxi tourer.

 

La seduta comoda e la postura del conducente di questo tipo di moto si prestano particolarmente bene alla protezione che l’airbag consente; dal filmato che segue si evince come in caso di scontro frontale l’azione protettiva di questa tecnologia sia assolutamente adeguata.

 

ADAC (Allgemeiner Deutscher Automobil-Club), l’automobil club più importante d’Europa, ha sottoposto al confronto due moto identiche, una dotata di airbag, l’altra no, mostrando a quali conseguenze è esposto il conducente della seconda moto. Lo scontro che avviene a 72km/h è devastante. Senza l’azione dell’airbag, che si frappone tra il motociclista e il montante laterale dell’auto, il manichino urta violentemente contro la vettura subendo danni seri nella parte superiore e cervicale del corpo. Nel primo caso invece, l’airbag attenua e in parte arresta l’accelerazione frontale che il corpo subisce durante l’impatto. Nelle immagini al rallentatore il manichino, in particolare la sua colonna vertebrale, non subisce gravi torsioni lasciando presagire che un eventuale incidente avente tale dinamica non metterebbe in pericolo la vita del motociclista.

 



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>