sampleImg

  • mar 30 2012

    La storia Metzeler, on line sulla nuova Timeline di Facebook!

    Agli amici della nostra community su Facebook non sarà sfuggito l’arrivo della nuova Timeline di Metzeler Italia. La nuova “faccia” sul popolatissimo social network è frutto, innanzitutto, delle più articolate fantasie degli uomini di Mark Zuckerberg e, in seconda battuta, dell’eccelso lavoro della nostra equipe che ha popolato le pagine del social network con i contenuti “factory”.

     

    Per il quotidiano seguiamo la stessa linea di sempre, video, domande, post, curiosità e qualsiasi altra chicca tratti il tema “moto” e attiri la nostra attenzione. Sul versante istituzionale invece, abbiamo iniziato proponendo “pillole” della storia Metzeler dall’anno della sua fondazione ad oggi, trattando gli aspetti produttivi e i traguardi tecnologici insieme con le sue vicende sportive e i successi nelle competizioni.

     

    Raccontare in pochi passaggi una storia ultra secolare era impresa ardua ma “temiamo” di esserci riusciti efficacemente. Quindi, per i più curiosi e per quanti volessero conoscere la storia Metzeler è possibile cliccare sulla Timeline a destra della pagina www.facebook.com/MetzelerItalia e curiosare nel suo passato. Più in basso un piccolo assaggio…

     

    Altra novità della pagina facebook è l’introduzione della nuova APP Wallpapers & Covers, situata sotto la bandiera italiana, che vi darà la possibilità di scaricare ogni mese 3 immagini speciali dal mondo Metzeler in diversi formati: da quello per la cover della nuova Timeline dei vostri profili personali, agli sfondi desktop dei PC, fino ai formati per i display degli smartphone.

     

    1863Robert Friedrich Metzeler fonda in Germania, a Monaco di Baviera, Metzeler, azienda specializzata in articoli tecnici ed equipaggiamento sportivo.

     

    1892 – Metzeler avvia la produzione di pneumatici per biciclette, moto e automobili.

     

    1933 – Metzeler ottiene il primo importante risultato tecnologico della sua storia nella produzione di pneumatici realizzando un innovativo tipo di gomma sintetica.

     

    1937 – Viene stabilito il record mondiale di velocità per moto a 279.5 km/h: la moto da primato utilizza pneumatici Metzeler.

     

     

    1959 – Il sidecar con pneumatici Metzeler del team tedesco composto da Walter Schneider e Hans Strauss conquista l’undicesima edizione del Motomondiale.

     

     

    1982 – Metzeler sviluppa ME 33 Laser, il primo battistrada con scanalature oblique, anziché longitudinali. Nello stesso anno inizia anche la produzione in serie del primo pneumatico a tele incrociate.

     

    1986 – Metzeler viene acquisita dal Gruppo Pirelli. Nello stesso anno viene lanciato sul mercato il nuovo ME 1, primo pneumatico posteriore con freccia direzionale.

     

    E tanto altro ancora….

  • mar 30 2012

    Scooter Yamaha super sicuri!

    Lasciare incustodito il proprio mezzo a due ruote, probabilmente, è la preoccupazione che statisticamente incide maggiormente nella qualità del tempo che ogni motociclista trascorre lontano dalla sua moto. Per questo motivo, dopo Honda, anche Yamaha ha deciso di liberare i propri clienti da quest’ansia garantendo, contestualmente, le migliori tariffe assicurative sul mercato.

     

    Quest’occasione è possibile grazie all’accordo siglato da Yamaha Motor Italia con LoJack Italia – filiale italiana del leader mondiale nel rilevamento e recupero dei mezzi rubati. La partnership garantirà la distribuzione dei dispositivi LoJack presso l’intera rete di vendita Yamaha al fine di accrescere il livello di protezione degli scooter.

     

    L’intesa raggiunta dai due brand permetterà a tutti i futuri clienti dei maxi scooter di tutelarsi contro i furti e installare i sistemi LoJack. Le radio-frequenze delle quali sono capaci tali dispositivi superano le schermature del segnale anche all’interno di box, garage o container, garantendo una percentuale di recupero del 90%. LoJack ha sviluppato negli anni una partnership con le Forze dell’Ordine; a oggi le unità istallate in tutto il mondo sono più di 8,5 milioni, per un totale di oltre 300mila veicoli recuperati.

     

    Un altro vantaggio per i Clienti Yamaha è rappresentato dagli sconti sulle polizze furto garantite da una convenzione con S.A. Cebi Broker che offre agli scooter Yamaha equipaggiati con tale sistema la copertura in tutte le province d’Italia e delle riduzioni di costo che possono arrivare fino al 70%. A titolo esemplificativo, assicurare per il furto e incendio un TMAX nuovo a Napoli costerà per i Clienti LoJack 339 euro per il primo anno.

     

    Il trasmettitore installato in una posizione nascosta all’interno della moto (senza alcuna traccia esterna che ne testimoni la presenza) “lancia” un segnale ad alta frequenza non schermabile che può essere rilevato dalle Forze dell’Ordine dotate di dispositivi di tracciamento LoJack (Vehicle Tracking Computers); queste, una volta captato il segnale, sono in grado di raggiungere l’esatta posizione della moto rubata e procedere al suo recupero in tempi molto rapidi.

  • mar 29 2012

    KTM è tempo di promozioni

    Ognuna a suo modo, le case motociclistiche cavalcano l’arrivo ufficiale della primavera esortando il pubblico motociclista a rinnovare il proprio mezzo o integrare le dotazioni delle quali dispongono per affrontare al meglio la nuova stagione di moto viaggi. Questa è la strada intrapresa da KTM che promuove, sulla gamma 990 SMT e Adventure, un travel kit di tutto rispetto per dotare il mezzo dell’equipaggiamento necessario per affrontare come si deve la stagione.

     

    Per quanti acquistassero una bicilindrica austriaca modello 2012, con un sovrapprezzo di soli € 500 IVA inclusa, KTM fornisce il mezzo del travel kit sopra citato; un omaggio notevole se si considera che il valore commerciale è superiore ai mille euro. Per la KTM 990 Adventure MY 2012 il kit è composto da: coppia valige plastica nere impermeabili 32 lt; sistema fissaggio rapido borse; kit adattatore; supporto valigie; serratura per supporto valigie; chiusure valigie; borsa serbatoio; supporto porta GPS; parabrezza Touring.

     

    Per la KTM 990 SMT MY 2012 il kit è composto da: coppia di valigie alluminio nere 37 lt; sistema fissaggio rapido borse; kit adattatore; supporto valigie; serratura per supporto valigie; chiusure valigie; borsa serbatoio; supporto porta GPS; cavalletto centrale; parabrezza Touring.

     

    La promozione è valida fino a esaurimento scorte; inoltre da sabato 31 marzo sino a domenica 1 aprile ed il 14/15 aprile, presso i concessionari ufficiali KTM, in occasione degli Orange Days, sarà possibile provare le ultime novità della gamma stradale 2012.

  • mar 28 2012

    WEC 2012 – Cile: nella prima tappa mondiale Metzeler domina nelle classi E1 ed E3

    Caldo è anche sinonimo di motociclismo e con l’arrivo della primavera coincide la partenza di tutti i campionati più importanti in ambito motociclistico. Domenica scorsa è stata la volta del CIV (del quale abbiamo già parlato) e del mondiale Enduro, un’altra specialità nella quale Metzeler fa sempre bene!

     

    A ribadire l’affidabilità degli pneumatici Six Days Extreme e le loro eccezionali performance ci hanno pensato i piloti Metzeler che hanno conquistato il gradino più alto del podio nelle classi E1 ed E3.

     

    Nella prima gara del Campionato Mondiale Enduro 2012, disputata a Talca, in Cile, Metzeler ha ottenuto i suoi successi grazie ad Antoine Meo nella classe E1 e a Christophe Nambotin che ha centrato un grandioso “due su due” nella classe E3 nelle prove di sabato e domenica.

     

    Antoine Meo, nuovo pilota ufficiale del team KTM, al momento ha in tasca 40 punti, 8 in più rispetto al suo avversario diretto e pilota ufficiale HM Honda, Rodrig Thain, anch’egli gommato Metzeler e “reduce” da un 2° e un 3° posto nella competizione. Simone Albergoni, invece, il secondo giorno, è salito sul 2° gradino del podio.

     

    Nella categoria E3, Christophe Nambotin, su KTM equipaggiata con Metzeler Six Days Extreme, ha vinto entrambe le giornate e, come Meo in E1, conduce con 40 punti la classifica iridata davanti al suo diretto avversario Aigar Leok. Nella seconda giornata, David Knight, altro pilota Metzeler, ha conquistato il 2° posto.

     

    La sintesi del weekend Metzeler, quindi, vede quattro vittorie (due con Meo e due con Nambotin), tre secondi posti (Knight, Albergoni, Thain) e un terzo posto (Thain). Per quanto riguarda gli altri piloti Metzeler, l’ex-Crossman Manuel Monni, al suo debutto nel WEC, ha conquistato due ottavi posti, mentre il pilota del team HM Honda, Karl Svensson, ha ottenuto un 5° piazzamento nella prima giornata. Kevin Benavides, infine, ha avuto un inizio brillante cogliendo un 4° posto nella prima giornata e un 5° nella seconda.

     

    Prossimo appuntamento iridato per il weekend venturo sarà a San Juan, in Argentina. Avanti così!

     

    Sabato:
    Class E1: Antoine MEO (KTM, Metzeler), Rodrig THAIN (HM Honda, Metzeler), Marc BOURGEOIS (Yamaha);
    Classe E2: Juha SALMINEN (Husqvarna), Ivan CERVANTES (Gas Gas), Oscar BALLETTI (Beta);
    Classe E3: Christophe NAMBOTIN (KTM, Metzeler), Aigar LEOK (TM), Oriol MENA (Husaberg).
    Classe EJ: Mathias BELLINO (Husaberg), Dany MCCANNEY (Gas Gas), Alexandre QUEYREYRE (Yamaha).
    Classe EY: Benjamin HERRERA (TM), Giacomo REDONDI (KTM), Stefano CAIMI (Yamaha).

     

    Domenica:
    Classe E1: Antoine MEO (KTM, Metzeler), Simone ALBERGONI (HM Honda, Metzeler), Rodrig THAIN (HM Honda, Metzeler);
    Classe E2: Pierre-Alexandre RENET (Husaberg), Ivan CERVANTES (Gas Gas), Alex SALVINI (Husqvarna);
    Classe E3: Christophe NAMBOTIN (KTM, Metzeler), David KNIGHT (KTM, Metzeler), Aigar LEOK (TM).
    Classe EJ: Mathias BELLINO (Husaberg), Victor GUERRERO (KTM), Dany MCCANNEY (Gas Gas).
    Classe EY: Giacomo REDONDI (KTM), Benjamin HERRERA (TM), Santiago ISAZA (KTM).

  • mar 28 2012

    Per le competizioni di enduro è necessario utilizzare la targa originale

    Nel mese di gennaio pubblicammo un post relativo all’utilizzo nella propria moto di targhe fotocopiate. Lo spunto per l’articolo nacque dall’interpretazione che il Giudice di Pace diede rispetto alla multa e al sequestro del mezzo commissionato dal Corpo Forestale a tre motociclisti che praticavano del fuoristrada.

     

    In sostanza, il Giudice di Pace “alleggerì” la pena sostenendo che la fotocopia della targa è sì un atto irregolare ma non configura una pratica abusiva di violazione del monopolio statale. Oggi torniamo sull’argomento perché la Federazione Motociclistica Italiana, in particolare la Commissione Sportiva Nazionale, in merito all’utilizzo della targa nelle competizioni di Enduro, ha pubblicato la Determinazione N°8 del 2012 che recita “Il motociclo deve essere obbligatoriamente munito di targa originale fissata in modo permanente per tutta la manifestazione. La violazione comporta l’esclusione. È autorizzata la partecipazione di motocicli che non siano provvisti di targa originale solamente dopo che sia stata presentata una valida denuncia di smarrimento in originale e che nel motociclo sia stata montata una riproduzione della targa con dimensioni pari a quella autentica.”

     

    Con la presente determinazione anche la Federazione prende una posizione certa e inequivocabile rispetto a una pratica molto diffusa tra gli appassionati di enduro. Infatti, per timore di perdere la targa durante il fuori strada, capita sovente che i motociclisti sostituiscano l’originale con un “fac-simile” che tuttavia non è regolare né per la legge, né per le competizioni.

ROAD RACING 2014

ultimi commenti

iscriviti