News
Machomax ci spiega come costruire un parafango in carbonio, volete provare anche voi?

25 marzo 2011

Machomax ci spiega come costruire un parafango in carbonio, volete provare anche voi?

Le parti in carbonio sono belle, inutile negarlo, ma anche care. E allora perché non provare a costruire da soli i tanto desiderati pezzi in carbonio per la proprio moto? E’ quello che ha pensato anche il nostro caro amico Machomax che per tutti i lettori di Ridexperience ha preparato dei simpatici video nei quali illustra le operazioni da lui compiute per realizzare un parafango in carbonio. Ecco il suo racconto e le immagini che lo accompagnano:

 

 

Video 1


Durante l’inverno la moto si usa meno e allora il tempo mi piace trascorrerlo nel box tra chiavi inglesi, mastice, nastro americano ecc. ecc. E’ da tempo che ci pensavo e alcune settimane fa mi sono deciso a comprare un Kit per fare dei pezzi in carbonio. Navigando su internet ho trovato questo sito molto interessante: www.prochima.it e ho scoperto che, tra i vari prodotti, avevano anche quello che interessava a me; date un’occhiata! Così tramite il portale di Prochima ho effettuato l’ordine e dopo alcuni giorni avevo tutto a casa.

 

 

Mi sono messo subito all’opera. Essendo un neofita di determinati prodotti ho optato per “replicare” un pezzo abbastanza semplice (almeno all’apparenza): il parafango posteriore del mio Aprilione. Ho smontato il pezzo e l’ho pulito per bene; presa la gomma siliconica Prochima l’ho miscelata con l’apposito catalizzatore nelle dosi del 5%, come consigliato dalla casa. Successivamente ho miscelato per bene i due composti con una spatola e poi ho spennellato tutto sopra il parafango lasciando una patina di 2-3 mm circa. Ancora, ho adagiato sopra la gomma siliconica un foglio quadriassiale (ritagliato in precedenza) e ho ricoperto anche questo di altri 2-3 mm di prodotto. Poi ho lasciato seccare tutto per alcune ore. Appena asciutto, ho proceduto con il passaggio successivo: la plastoforma.

 

 

Ho miscelato la plastoforma con il suo catalizzatore e poi l’ho utilizzata per ricoprire la gomma siliconica. Anche in questo caso ho utilizzato un foglio quadriassiale che ho ricoperto con dell’altra plastoforma. Dopo aver lasciato riposare il tutto per un intera notte, l’indomani il prodotto era solidificato. A questo punto non è rimasto altro che separare il pezzo originale dalla forma. Inizialmente mi sono aiutato con delle piccole spatole (stando attento a non rovinare la gomma siliconica) poi appena più semplice ho afferrato con le dita il pezzo originale e delicatamente l’ho staccato. Ed ecco ottenuto lo stampo nel quale adagiare i preziosi fogli di carbonio.

 

 

Video 2


 

 

Innanzitutto ho rifinito il pezzo grezzo. Mi sono “armato” di seghetto a ferro e forbici ben affilate per togliere il superfluo. Ho preso le misure dello stampo ed ho ritagliato il carbonio. Ho pulito la parte in silicone con alcool, miscelato la resina E-227 con il suo catalizzatore e mischiato per bene i 2 componenti. Ho spennellato abbondantemente la gomma siliconica e poi ho adagiato il primo foglio in carbonio.

 

 

Questa fase non è semplice. Il foglio, soprattutto il primo (quello che sarà più esterno), deve essere ben tirato, non deve presentare grinze o bolle. Il foglio deve essere quindi imbevuto bene di resina. Ho posizionato dei rinforzi (con foglio quadriassiale) nei punti di ancoraggio. Ho ricoperto il tutto con ulteriori due fogli di carbonio sempre ben imbevuti di resina per poi passare il rullino frangibolle ad ogni stesura di foglio. Mentre lasciavo riposare il tutto, di tanto in tanto davo una scaldata ai fogli di carbonio con il phon. I fogli si scaldano velocemente e questo facilità l’essicazione della resina.

 

 

Una volta seccato non resta che separare i fogli in carbonio dallo stampo, rifinire il pezzo con seghetto, forbici e carta vetrata (sui bordi), fare i fori con un trapano per le viti. E il gioco è fatto!

 

 

Sinceramente mi sono divertito e sono fiero del risultato ottenuto, soprattutto considerato che era la prima volta che provavo a farlo. Il kit prochima è veramente alla portata di tutti, basta un minimo di manualità e tanta passione. Le istruzioni sono chiare e una volta fatto il primo stampo il secondo sarà decisamente più facile. Non vedo l’ora di fare altri pezzi per le mie moto, e a voi è venuta voglia??”

 

 

Lamps

 

MachoMax

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Vedi i 3 commenti

PIER - 25 mar, 2011 - 17:03

Max 6 un mito, mi viene voglia si di provare! Grande :-D

MARCO LUCIANI - 22 ott, 2013 - 18:10

Ciao Machmax, volevo chiederti una cosa riguardo alla costruzione di queste parti in carbonio.
La gomma siliconica è compresa nel kit prochima o l’hai acquistata a parte?
Inoltre la seconda parte di video non è visibile.
Ciao Ciao