News
BMW S 1000 RR con i Metzeler Racetec ancora davanti

30 marzo 2011

BMW S 1000 RR con i Metzeler Racetec ancora davanti

Trascorso un anno dalla sfida condotta sul circuito di Alcaniz tra le race replica (della quale vi fornimmo un resoconto dettagliato), vinta dall’allora “nuova arrivata”, la BMW S 1000 RR gommata Metzeler Racetec, i valori non sono affatto cambiati. In cima alla classifica dei tempi e delle preferenze dei tester c’è sempre la quattro cilindri tedesca equipaggiata con i nostri pneumatici. Formidabile!

 

 

Questa volta, però, la prova ha interessato la sola rivista Motociclismo (durante il Masterbike 2010 le testate impegnate furono 14) che ha “stressato” la rosa completa della maxi in commercio (ad esclusione della Honda che ha declinato l’invito) sul tracciato di Monza, una pista, in verità, favorevole ai cavalli delle plurifrazionate. La concorrenza della BMW è stata come sempre agguerrita: Suzuki GSX-R 1000, MV Agusta F4, KTM 1190 RC8 R, Ducati 1198 SP, Kawasaki Ninja ZX-10R, Yamaha YZF-R1 e Aprilia RSV4 Factory APRC.

 

 

Ragazzi, il progresso va avanti e alla consueta sfida tra bicilindriche e plurifrazionate, questa volta si è aggiunta anche quella tra le moto dotate di elettronica e quelle che ne sono sprovviste. Il risultato si è visto soprattutto nei tempi sul giro che raccontano con fedeltà assoluta dove e come si perde. Nella fattispecie, Motociclismo evidenzia il grandioso recupero che la Kawasaki ha compiuto dal 2010 quando il modello precedente alla moto attuale “prese paga” regalando alla BMW oltre 1,6 secondi al giro. Nel 2011, a Monza, pista meno esigente dal punto di vista ciclistico (settore nel quale la Ninja è cresciuta sensibilmente), la Kawasaki ha mancato la “pole” per appena 17 centesimi di secondo. Ci pensate?

 

 

Bene, pensiamoci, perché a differenza della giapponese la S 1000RR dispone del cambio elettronico, la cui presenza paga sensibilmente nei 14 cambi di marcia (escluse le scalate) necessari nel giro tirato sul tracciato di Monza.

 

La classifica dei migliori tempi stilata da Motociclismo è stata:

 

 

Riferimenti cronometrici a parte, il resoconto del mensile è davvero dettagliato e analizza curva per curva, rettilineo per rettilineo tutte le velocità di percorrenza in curva, e le massime registrate nei rettilinei da ogni singola moto. Come sempre accade il giudizio dei tester, però, non si ferma ai soli tempi realizzati in pista ma prende in considerazioni anche altri parametri. In questo caso, la BMW spunta ancora la vittoria superando per gradimento complessivo l’Aprilia, la Kawasaki, la MV Agusta, la Ducati, La Yamaha, la Suzuki e la KTM. Insomma, i Metzeler Racetec Interact sono sempre davanti!

 

Il numero di Motociclismo nel quale potrete trovare la prova completa è il n. 3 relativo appunto al mese di Marzo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Vedi i 2 commenti

SASSONE.ANT@LIBERO.IT - 27 apr, 2011 - 00:04

Bhe comunque secondo me Monza non è certo una pista dove fare un test del genere, dove le bicilindriche faticano un pò dei piu delle 4 per ovvi motivi di meccanica! Sarebbe stato meglio, secondo il mio MODESTISSIMO parere effettuare anche un test in piste più “tecniche”, meno veloci magari, per testare anche le doti ciclistiche, le capacità e la rapidità degli inserimenti in curva, le accellerazioni e la piu frequente stimolazione dell’impianto frenante. Tipo un franciacorta, imola potrebbero andare cosa ne pensate? Le mie ovviamente sono solo delle personalissime considerazioni, nulla togliere ai bravissimi tester e alla loro grande esperienza! Ciaoooo
Antonio