sampleImg

  • set 10 2010

    Stelvio Andreola del Motoclub Pompone prova le nuove Roadtec Z8 Interact

    Roadtec Z8_1

    Oggi vi proponiamo le impressioni che ci ha inviato Stelvio Andreola del Motoclub Pompone. Stelvio ha fatto la “route des grandes alpes”, un giro di 1750 km circa con le nostre Roadtec Z8 Interact. Ecco le sue impressioni sul nuovo pneumatico sport-touring di casa Metzeler:

    “Siamo partiti da Tezze sul Brenta, io e altri 9 miei amici, e subito abbiamo preso l’autostrada a Vicenza nord per uscite a Arma di Taggia; poi abbiamo proseguito sulla costa attraversando San Remo. Dopo una pausa per pranzare abbiamo proseguito per una ventina di chilometri arrivando a Latte, paesino sulla costa a 7 km. dal confine francese. Il contachilometri segnava 520!
    Arrivati fino a lì non si poteva far a meno di andare a visitare Montecarlo, così abbiamo pensato bene di chiamare un taxi (anzi 2 perché eravamo in 10) e farci accompagnare.
    Il giorno seguente ci siamo svegliati alle 8.00 e abbiamo ripreso il viaggio verso Menton, Sospel, Col de Turinì (famoso per il mondiale Rally) Isola, e finalmente la prima cima importante Col de la Bonette a 2802 mt.; che paesaggi, che strade, che clima, fantastico è dir poco! Scesi a Jausiers, dopo aver pranzato abbiamo riprese le moto per salire verso il Col de Vars a 2111 mt. Successivamente, siamo scesi a Guillestre e poi su verso Col d’Izoard a 2361 mt. (altro panorama incantevole) e poi giù dopo circa 310 km. ci siamo fermati a riposare trascorrendo la seconda notte nella cittadina di Briancon.

    Roadtec Z8_2

    Il terzo giorno alle 8.30 eravamo già in sella, salendo subito verso il Col du Galiber a 2556 mt. I panorami sembravano sempre più belli, uno scenario indescrivibile! Poi siamo scesi verso Modane per salire verso il Col del’Iseran a 2770 mt. con una veduta stupenda nella mitica cittadina della Val d’Isere. Dopo aver pranzato abbiamo ripreso il viaggio verso il Col del piccolo s. Bernardo (2188 mt.) sconfinando così in patria, abbiamo proseguito fino ad Aosta e poi, ultimo colle della giornata, il grande S. Bernardo a 2473 mt. Che dire? Strada stupenda, pochissimo traffico, uno spasso per tutti i motociclisti! Alle 19.00 siamo arrivati a Martigny, cittadina svizzera, dove abbiamo trascorso la notte.
    Il giorno seguente abbiamo continuato per tutta la costa del lago Maggiore passando per Stresa, Arona e altre cittadine in riva al lago dove erano presenti bellissimi hotel; peccato che la pioggia non ci abbia fatto venir voglia di fare qualche foto…
    Il viaggio è andato tutto secondo i piani e senza intoppi, panorami e strade bellissime, traffico zero!!

    Roadtec Z8_3

    Ma ora parliamo delle gomme. La Metzeler, tramite il Pompone, è stata così gentile da farmi provare le nuove Roadtec Z8 Interact, gomme sport Touring. Questo è un pneumatico trizona, un sistema indubbiamente “furbo” ed allo stesso tempo migliore rispetto alle soluzioni che utilizzano una carcassa standard ed una copertura bimescola perché, soprattutto a gomma fredda, – situazione molto frequente su strada – permette di raggiungere livelli di performance e di sicurezza molto più elevati, grazie alla capacità di assicurare sempre una maggior superficie di contatto tra pneumatico e battistrada.
    Avendo un CBR 600 non ho mai montato gomme con queste caratteristiche, infatti mi chiedevo se avrei dovuto cambiare stile di guida. Pensavo: saranno di mescola dura, avranno poco grip, non saranno per niente agili, invece che dire? In autostrada perfette, se avessi fatto 520 km di andata e altri 200 km di ritorno con le gomme che di solito monto io le avrei spiattellate, invece qui l’usura è stata minima. In base al test di Metzeler si può arrivare a fare fino a 12.000 km. Stupefacente, soprattutto quando con le mie ne faccio si e no 3.500-4000!
    Il secondo grande vantaggio è sull’acqua, non c’è paragone! Basta mettere la pressione che viene suggerita e si guida in un binario con moltissima sicurezza.
    Il grip? Per noi motociclisti normali e anche per quelli più smaliziati ce n’è anche troppo, ho guidato a tratti veloce arrivando a toccare il ginocchio. Basta solamente non spalancare il gas in uscita di curva. Che non è una gomma da pista lo si sa ma credetemi, si può andare davvero forte e in sicurezza!
    Per quanto riguarda invece gli angoli di piega bastano e avanzano!! A vista la gomma sembrerebbe un po’ meno appuntita rispetto ad una gomma pistaiola ma una volta in sella, fatti i primi 20 km di curve, si riesce a guidare veloci. Questo vale ovviamente soltanto per chi usa gomme corsaiole, chi invece usa già gomme sport Touring si troverà subito a proprio agio con queste Metzeler Roadtec Z8 Interact!”

    • Facebook
    • Twitter
    • MySpace
    • LinkedIn
    • email
    • RSS
    • FriendFeed
    • StumbleUpon
    • Google Buzz
    • Tumblr
    • del.icio.us
    • Digg

    • 3 commenti

    • Matteo C' ero anch' io con Stelvio al giro (in foto c' è pure la mia Aprilia )e conoscendo come guida, non avrei mai pensato che uno sportivo come lui montasse una gomma sportouring! Se è buona per Stelvio, è buona per tanti altri. Brava Metzeler

    • Ricky Sarei davvero curioso di provare queste Z8, Metzeler ultimamente ha lanciato degli ottimi prodotti, anche le Sportec M5 Interact le ha un mio amico e vanno da Dio!

    • machomax ciao Stelvio, quanto tempo!!! confermo le tue ottime impressioni sulle Z8. quanto a grip ne hanno davvero tanto. sui passi svizzeri non mi hanno mai tradito. a gg le testerò tra i cordoli...poi vi saprò dire...... lamps MachoMax WWW.SMANETTONI.NET

ROAD RACING 2014

ultimi commenti

iscriviti