sampleImg

  • lug 30 2010

    Xtreme Lumezzane 2010, i piloti Metzeler pronti per il “Dente del Diavolo”!

    Lumezzane_Cervantes

    Il 31 luglio, domani per essere precisi, il Motoclub Lumezzane ha in programma l’edizione 2010 del Xtreme Lumezzane. Una competizione di enduro aperta a tutti i sessanta migliori piloti della prova degli Assoluti d’Italia (inclusa nel programma) più alcune wild cards scelte a discrezione degli organizzatori.
    Tra i nomi più prestigiosi è segnalata la presenza anche dei nostri Simone Albergoni (KTM Factory), Thomas Oldrati (KTM), Jean-Christophe Nambotin (GAS-GAS), Mika Ahola (HM-Honda) e, in forse, Tadeuz Blasuziak, e David Knight. Gli “alfieri” Metzeler porteranno gli Six Days Extreme sino alla prestigiosa salita del “Det del Diaol”: picco di un anfiteatro naturale dominato da un cavalcavia che offre un colpo d’occhio eccezionale. Questa salita ripidissima ed esageratamente spettacolare, sarà un ulteriore banco di prova estremo per piloti, moto e pneumatici.
    L’edizione 2010 dell’Extreme godrà della copertura televisiva sul canale SKY 950 a partire dalle ore 19:00 di sabato. La conclusione della competizione con la scalata alla “salita del diavolo” è prevista per le ore 23. Per quanti avessero interesse, l’appuntamento è sabato 31, al Dente del Diavolo, località Passo del Cavallo, Lumezzane, Brescia.
    Non mancate!

  • lug 29 2010

    Il nostro MachoMax è tornato tra le montagne svizzere

    Max_in_svizzera_02_29.07.10

    Ci era già stato qualche weekend fa e ci aveva inviato un bel racconto del suo viaggio, ma a quanto pare Machomax non riesce proprio a stare lontano dai passi svizzeri!
    Ecco il racconto del suo secondo viaggio in questi meravigliosi posti:

    “Ciao ragazzi ormai è tempo di moto, ed ogni weekend è buono per macinare chilometri. L’aria in pianura è calda ed allora quale miglior posto se non la fresca Svizzera? Beh si stavolta devo ammettere che ci ha presi tutti in contropiede, e vi racconto perché.
    Alle 9.30 puntuali ci troviamo in dogana: Chris Rider, Il Moro76, Cardionitro58, Carburo con 2 amici, Onofrio, Pollon ed io.
    Special guest: Pantofola che però è li solo per i saluti di rito, purtroppo. Per strada ci attende Teo, che puntuale si fa trovare lungo l’autostrada svizzera. Lo vediamo, ci vede, basta un cenno e via si aggrega alla ciurma anche lui.

    L’aria è perfetta, ne calda ne fredda, si sta divinamente. Fino ad Airolo tutto uguale ma appena iniziamo ad arrampicare sul S. Gottardo…altro che frizzantina, l’aria è proprio fredda!!
    Io alla mia giacca avevo persino tolto l’imbottitura e sotto avevo solo la t-shirt degli Strommers Lombardi, credevo fosse sufficiente così ed invece…
    Arrivati sul passo chi può sfodera dalle proprie borse le imbottiture delle proprie giacche, c’è chi si infila l’antipioggia (per ripararsi dal forte vento) e chi come Carburo è alla disperata ricerca di un “buco” dove potersi sfilare i propri pantaloni ed inserire l’imbottitura invernale.
    Senza esagerare ci saranno stati sugli 8° – 10° circa, neanche sull’isola di Man a maggio ho sofferto così tanto il freddo.

    Il cielo non è come quello avevo trovato qualche weekend fa. Le nuvole ed il vento la fanno da padrone ma ciò non ci distoglie dalla nostra meta. Così, dopo aver fatto le foto di rito ed aver scambiato pareri sul giro, ci si dirige alla direzione del Furka. La temperatura non cambia ma fortunatamente il rischio pioggia pare scampato. Sosta rapida per fare foto e scambiarci dei pareri sui mezzi incontrati in strada e sul nuovo Yamaha Super Ténéré di Cardionitro58. Mi siedo sulla sua moto ed è davvero impressionante la maneggevolezza, sembra pesi la metà del mio DL1000, la seduta è perfetta per me che non sono altissimo. Lo stesso Cardionitro che non credeva al mio stupore si è seduto sul mio suzukone ed ha confermato le mie impressioni, ma nonostante ciò è rimasto assolutamente esterrefatto (se vorrà sarà lui stesso a confermarvelo) della seduta del mio bolide. Comoda, confortevole e dall’estetica decisamente accattivante…ma torniamo al giro.
    Il passo successivo doveva essere il Grimsel ma arrivati al bivio che ci porta alla salita del passo troviamo altri biker con “le lacrime agli occhi”: passo chiuso.

    Max_in_svizzera_3_29.07.10

    Così, vista l’ora, decidiamo di pranzare nei paraggi. Troviamo una bella area picnic in cui rifocillarci. Per il pranzo eravamo attrezzati con panini, insalate, pesce, caffè e chi più ne ha più ne metta. Da quando esco con il gruppo dei V-Strommers del nord sono abituato a vedere di tutto e di più a pranzo. Sono veramente il top per quanto riguarda l’organizzazione. Complimenti, 10 e lode a tutti! Dopo il pranzo diamo uno sguardo alla cartina ed optiamo per un altro passo.
    Il Grimsel è chiuso e per non tornare indietro e rifare la medesima strada si decide di salire sul Nufenen pass. Strada molto bella e panorami mozzafiato. Sotto di noi il nastro nero dell’asfalto sembra un enorme serpente che sinuosamente avvolge la montagna. Il freddo non ci ha mai lasciato, tant’è che con i promojeans non ho neanche sudato. Nonostante il freschetto ci sono i primi “colpi di sole”: c’è chi desidera una cioccolata calda, chi sogna del brasato e chi come me si sarebbe mangiato volentieri una polenta e funghi!

    Insomma anche in questa occasione abbiamo trascorso una giornata bella vivendo la nostra passione, godendoci delle strade stupende ed arricchendo il nostro contachilometri, personalmente ho percorso circa 480 Km. Lamps a tutti!”

    Max_in_svizzera_29.07.10

  • lug 28 2010

    Cronaca di una vacanza in moto: Milano – Tunisia in 2 settimane!

    Milano_Tunisia_DAY1

    Quattro amici, due BMW GS 1150, una Yamaha TDM 900 e una Ducati Multistrada 1200. In ordine di moto, Stefano e Roberto, Guido e Giorgio. Direzione: Tunisia. Dal 26 di luglio, sono partiti due giorni fa, all’8 agosto per “capitalizzare” il tempo dedicato alle loro vacanze macinando chilometri in sella alle loro moto. Hanno pianificato il viaggio, hanno giocato a tetris per stipare i bagagli nei bauli, hanno deciso dal principio che il 90% del loro itinerario si sarebbe svolto su strade asfaltate; il restante 10% su piste sterrate!
    E’ iniziato il viaggio, quindi le vacanze, e i nostri amici hanno già una discreta tintarella. Quella doratura della pelle che solo i motociclisti conoscono dopo aver trascorso ore in moto sotto il sole. Quando, in sostanza, hai le braccia double face: nere croccanti sopra, bianche sotto!
    Per tutta la durata del loro viaggio, riportando di volta in volta i commenti e i loro spostamenti, Ridexperience.it seguirà la loro avventura per tutto il periodo. Per ora, in bocca al lupo..

  • lug 27 2010

    “Wheels are the Champions”: Nuovo video, nuova corsa!

     
    Continua il contest di MetzelerWheels Are the Champions”. Sino al 13 settembre l’indirizzo web dedicato è disponibile per riversare quanti più video possibile nei quali, ognuno a suo modo, simulare la guida della moto. Fantasia e passione sono le uniche carte vincenti da giocare in questo contest. Se non ci credete e pensate di non essere abbastanza capaci, ecco per voi un altro video caricato.
    Vi ricordo che partecipare significa “rischiare” di vincere una Honda VFR 1200 e i Metzeler Roadtec Z8 Interact.
    E ora, in sella…

  • lug 26 2010

    Barcellona Harley Days ’10 – Il video!


    Dal 18 al 20 giugno scorso, a Barcellona, il mondo Harley Davidson si è rimesso in moto. I bikers sostenitori e appassionati della casa americana si sono incontrati lungo le strade della città spagnola per celebrare il meeting ufficiale del HOG© (Harleys Owners Group). In questi tre giorni di festa oltre 18 mila motociclisti hanno “scorrazzato” con le loro Harley per le strade di Barcellona ricreando, di fatto, una esposizione di moto suggestiva e itinerante.
    L’organizzazione dell’evento includeva un’area Demo Ride, il villaggio Harley, la zona merchandising e altri spazi dedicati ai concessionari e alle hospitality.
    A Barcellona erano presenti anche gli amici del Moto Classic Club di Cuba, un gruppo di appassionati Harley-Davidson che con grandi difficoltà, nella loro terra, dagli anni ’60, conservano nello spirito e nella meccanica la passione per le loro moto.
    Di loro parlammo già un anno fa quando presentammo il gruppo MOCLA che “colorava” di Harley-Davidson l’isola di Cuba. Guido Giansoldati dedicò loro un documentario e ne parlammo anche su Ridexperience.it.
    Dall’inizio dell’embargo degli Stati Uniti nel 1962, a Cuba non è stato possibile acquistare pezzi di ricambio per queste moto americane. Le Harley attive ormai sono sempre meno e anche recuperare i pneumatici giusti per queste moto è un’impresa quasi impossibile. Metzeler intervenne con una fornitura di ME88O di diverse misure.

    Il Barcellona Harley Days ’10, per Metzeler ha rappresentato un’ulteriore occasione per incontrare nuovamente i suoi amici del MOCLA e per girare un video dedicato agli appassionati del brand lungo le strade di Barcellona. Eccolo qui, buona visione!

ROAD RACING 2014

ultimi commenti

iscriviti