sampleImg

  • feb 11 2010

    Metzeler Sportec M5 INTERACT™: tutti ne parlano e noi ne parliamo con voi!

    Sportec_M5

    Abbiamo introdotto un nuovo limite alla tecnologia INTERACT™ e adesso sono cinque le dimensioni del grip! E’ arrivato il nuovo Metzeler Sportec M5, in rete ne hanno parlato tutti e noi abbiamo deciso di parlarne con voi per svelarvi tutti (o quasi tutti) i segreti di questo nuovo pneumatico. Ecco un’intervista a Luca Zaccomer, International Brand Manager Metzeler e padrone di casa di Ridexperience, e al suo collega Aldo Nicotera, Product Manager Metzeler.

    Aldo_Nicotera

    Lo Sportec M5 Interact è l’ultimo nato di casa Metzeler: ci spieghi il significato del nome di questo nuovo pneumatico? Cosa intendete con i termini Sportec e Interact?

    La gamma stradale Metzeler attualmente è basata sull’utilizzo di tre parole chiave che identificano i diversi prodotti e quindi i diversi segmenti: Race-tec, Sportec, Roadtec. La semplicità di comprensione è importante per l’utente che vuole acquistare il giusto prodotto, quindi non volevamo rinunciare al suffisso Sportec dello Sportec M3, inoltre lo Sportec M3 è un ottimo prodotto e molto apprezzato, quindi avendone fatto un “sostituto che lo migliora” abbiamo pensato di mantenerne il legame facendo un “upgrade del nome”, da M3 a M5. Interact è invece la nostra tecnologia, è innovazione e performance, non potevamo tralasciarla no? Ecco qui: Sportec M5 Interact!

    Ci spieghi meglio in cosa consiste la tecnologia Interact già presente su Roadtec e Racetec?

    Interact riprende il concetto dell’interazione, significa che struttura e mescola devono essere sviluppate per interagire e lavorare insieme. Significa che la mescola per lavorare bene deve lavorare con la carcassa e lo fa grazie alla cintura d’acciaio. Sotto alla mescola c’è una cintura, fatta di cavi di acciaio avvolti lungo la gomma, e la tensione con cui questi cavi vengono avvolti permette alla mescola di muoversi e scaldarsi diversamente per comportarsi in modo da privilegiare, ad esempio, il grip o il chilometraggio. La grande innovazione è che, se hai questo beneficio da una sola mescola, elimini il vero problema del multi-mescola, ovvero l’usura irregolare!

    M5 è il primo pneumatico per moto sportive dotato di cinque zone di tensione differenti, che cosa comporta questo?

    Le 5 zone corrispondono alle 5 situazioni tipiche che si trova ad affrontare un motociclista ovvero: la strada dritta dove si cerca stabilità e chilometraggio, le curve da “mezza piega” dove serve grip e la massima piega da circuito dove servono solidità e precisione. Abbiamo realizzato un pneumatico che nelle cinque diverse zone si adatta agli specifici bisogni offrendo la specifica prestazione richiesta. Ecco perché non stiamo più nella pelle, perché vogliamo che lo si provi il prima possibile!

    Quali sono i segreti del battistrada a “Pi” greco?

    Beh, sono appunto segreti! Il disegno qui svolge tre diverse funzioni: innanzitutto caratterizza lo pneumatico dandogli un segno distintivo, e in questo caso si parla di estetica, poi assicura un drenaggio ideale e dunque una guida ottimale in condizioni di bagnato, in terzo luogo, e qui sta il bello, il “Pi” greco migliora l’area di impronta ottimizzando la deformazione del pneumatico in accelerazione (posteriore) ed in frenata (anteriore). Ecco perché sono al contrario tra post e front! Altro punto di forza di questo disegno? La regolarità di usura. Un disegno sbagliato fa si che la vita della gomma sia molto, molto più breve.

    Lo Sportec M5 Interact è dotato inoltre di cinture d’acciaio spiralato a tensionamento variabile abbinate a una carcassa di nuova generazione. Quali sono i vantaggi?

    La cintura d’acciaio permette di mantenere costante il profilo anche alle alte velocità quando la forza centrifuga tenderebbe a trasformare in un oggetto a forma di “pera” il pneumatico. L’acciaio inoltre è un ottimo conduttore del calore permettendo dunque un rapidissimo e costante riscaldamento del pneumatico sin dal primo metro, infine l’acciaio, grazie alle sue grandissime proprietà di assorbimento delle sollecitazioni, elimina qualsiasi rischio di instabilità sia sul dritto, anche con borse e passeggero, che in piega per la massima precisione di guida.

    Ci puoi parlare meglio dell’indicatore di piega dello Sportec M5 Interact?

    Vedo che moltissime community ne stanno già parlando, e questo ci fa piacere, ci fa molto piacere, significa che abbiamo visto giusto quando abbiamo deciso che Metzeler è un marchio da veri motociclisti! Inizialmente l’idea ci piaceva ma eravamo un po’ dubbiosi. Tutti noi siamo motociclisti e sappiamo che tutti in cima al passo vanno a guardare quanta spalla è ancora inutilizzata. E magari fanno anche il confronto con i loro amici… E allora, visto che siamo un marchio all’avanguardia anche nella vicinanza con il mondo vero, con il mondo dei passi e dei motociclisti…perché no? Ora tutti dicono che le cancelleranno facilmente le 5 tacche. Staremo a vedere… Io intanto vi aspetto in cima al passo!

    Quali saranno le misure disponibili per questo pneumatico e a partire da quando sarà commercializzato?

    Questa gomma sta arrivando in tutti i negozi in questi giorni, abbiamo dato la precedenza alle 4 misure più diffuse ovvero il 120/70 anteriore, 180/55, 190/50, 190/55 posteriore. Le altre a seguire, tra qualche settimana.

    Qual è la destinazione di utilizzo ideale di questo pneumatico?

    Questo è il prodotto ideale per le moto supersport, quindi sia le carenate che le moto nude. E’ un prodotto molto versatile quindi andrà ad accontentare sia i motociclisti più sportivi (quelli da 5° tacca!) sia quelli alla ricerca di chilometraggio e massima sicurezza, soprattutto sul bagnato. E’ un vero “all-rounder”, nato per rispondere alle esigenze dei motociclisti più esigenti e gestire le potenze delle moto più moderne, che fino a pochi anni fa erano impensabili da trovare se non nei mezzi dedicati alle competizioni di alto livello.

    Ci spieghi la genesi dello Sportec M5 Interact? Come è nato?

    I progetti nascono secondo delle procedure ben delineate e che coinvolgono molte funzioni e molte persone. C’è il marketing che definisce il “carattere” del prodotto in funzione dell’evoluzione dei mezzi e degli stili di guida, c’è R&D, gli ingegneri, che devono trovare le soluzioni tecniche che garantiscono questi risultati, c’è il testing che deve validare le soluzioni proposte… E all’interno di ogni gruppo di lavoro ci sono diverse funzioni, per esempio in un progetto di questo tipo in R&D c’è un responsabile sviluppo che coordina le risorse dedicate alla struttura, alla mescola, al disegno battistrada… e lo stesso accade nel testing che deve validare chilometraggio, grip su asciutto, grip su bagnato, maneggevolezza… e nel marketing con product manager, brand manager, responsabile comunicazione…

    Queste le funzioni coinvolte direttamente, ma che lavorano grazie al supporto di molte altre quali la logistica, la qualità, tutta la parte industriale…

    Parliamo della durata media invece, in quanti chilometri è stata stimata?

    Beh, dura molto! Ricordiamo che la durata di un pneumatico è sempre un valore indicativo dato che è legato a diversi fattori, come lo stile di guida, le condizioni dell’asfalto, il settaggio della moto, ecc.…immaginiamo un burn out! Comunque in una condizione di utilizzo normale (strada e autostrada) siamo intorno agli 8.000km per il posteriore e 11.000 per l’anteriore.

    La temperatura di impiego ideale per lo Sportec M5? E la temperatura per ottenere invece la migliore performance?

    Un prodotto come questo è studiato per offrire la migliore performance in ogni condizione anche in inverno. Ci sono dei limiti inferiori sotto i quali le mescole tradizionali non lavorano bene, (ecco perché abbiamo sviluppato il Wintec per gli scooter) ma di base possiamo dire che la nostra è una gomma che non teme il freddo e non teme il caldo.

    Le mescole sono caratterizzate da un alto contenuto di silice, quali vantaggi offre?

    La silice, grazie alle sue proprietà fisiche, rende più adesivo il pneumatico all’asfalto bagnato.

    Quali sono le differenze tra lo Sportec M3 e lo Sportec M5 Interact?

    In termini di prestazioni assolute è un prodotto migliore, se invece vogliamo andare in dettaglio allora abbiamo migliorato principalmente il bagnato e la regolarità di usura. Lo Sportec M3 ha una soluzione tecnica legata alla cintura d’acciaio che rappresenta un po’ la progenie dell’attuale Interact – Multi zone tension technology.

    Luca_zaccomer

    Negli ultimi due anni la gamma Metzeler è stata interessata da un rinnovamento partito dallo stradale Roadtec e passato per il racing Racetec presentata giusto l’anno scorso. Lo Sportec era il grande assente, come è nata l’idea di dar vita a questo pneumatico?

    Lo Sportec M3 ci da ancora molte soddisfazioni, sia in termini di percezione del prodotto da parte degli utenti sia in termini di puro confronto prestazionale con la concorrenza, e non parliamo solo dei nostri test interni ma anche di quelli organizzati da alcune importanti riviste. Diciamo che dopo 4 anni avevamo importanti soluzioni tecniche migliorative, e allora abbiamo deciso di procedere allo sviluppo di un nuovo supersport.

    Questo tipo di pneumatici, come è risaputo, è il più difficile da realizzare dal momento che in un solo prodotto devono raggrupparsi le caratteristiche più svariate. A livello di realizzazione e di investimenti per la ricerca tecnologia che tipo di sforzi richiede?

    Basta mescolare un po’ di prestazione in pista, un pizzico di durata, una dose di bagnato. Il tutto condito con la giusta facilità di guida e l’adattabilità a qualsiasi moto. E poi serve l’ingrediente segreto…come la Coca Cola!

    E’ prevista una campagna per il lancio del nuovo pneumatico?

    La campagna di comunicazione è iniziata con il concorso “Gimme 5” di cui abbiamo già parlato molto, tra poco vedrete la nuova pubblicità che abbiamo realizzato e vedrete, vi piacerà moltissimo!

    Dove vengono costruite le gomme Metzeler e in particolare le Sportec M5 Interact?

    “Made in Germany” ovviamente!

    E se avete domande o dubbi siamo qui per rispondervi! :-)

    • Facebook
    • Twitter
    • MySpace
    • LinkedIn
    • email
    • RSS
    • FriendFeed
    • StumbleUpon
    • Google Buzz
    • Tumblr
    • del.icio.us
    • Digg

    • 9 commenti

    • MachoMax siete i nr° 1.... c'è un abisso con gli altri competitors, sia sotto il piano tecnologico che umano. prodotti diversificati per ogni utente finale, tecnoligia al top e poi il solo fatto che ci mettete la faccia e siete qui a parlarne con Noi...non è che la ciliegina sulla torta e la conferma della convinzione che avete (e che abbiamo!!) nei Vostri prodotti. semplicemente Leader Ciao MachoMax WWW.SMANETTONI.NET

    • tricheco La mia Guzzi le aveva già di serie....... e mi sono trovato benissimo... col primo treno ho fatto circa 11.000 Km...... le ho fatte sostituire e quelle nuove vanno da dio.....

    • christian Ottimo prodotto, sono molto curioso di provarla ad inizio stagione sotto il mio fireblede

    • Christian (mx5red) Ho sempre guardato Metzler con un pizzico di più fiducia rispetto ai competitors. L'unica delusione l'ho avuta dal servizio clienti, spero abbiano fatto dei passi avanti. Infatti 2 anni fà dopo qualche migliaio di km (4.000) con le feelfree (e per ben due treni) sono apparsi dei tagli profondi sulla carcassa che andavano da parte a parte, con tutti i rischi del caso. Mesi e mesi a contattare via mail/telefono il servizio clienti, ma senza mai ricevere risposta. Solo la mia officina di fiducia ha risolto il problema “di tasca sua” (o quasi), cambiandomi due treni di gomme in garanzia. Considero il servizio clienti una parte fondamentale di ogni azienda, è la finestra sul “mondo clienti”…a maggior ragione in occasioni “pericolose” come queste. Ora per il mio VFR 2007 ho già ordinate le nuove M5….spero solo sia la scelta giusta in termini di fiducia.

    • Luca Zaccomer Ciao, mi dispiace leggere di una esperienza negativa registrata su uno dei nostri punti fermi ovvero l'attenzione verso il cliente e la assoluta qualità del prodotto. Mi dispiace e in verità mi stupisce, perchè esiste come è naturale una procedura e una squadra di persone dedicate a queste cose che per quanto assolutamente rare possono capitare. Solitamente la prima cosa che avviene è il contatto con il gommista, per capire quali possano essere le cause del problema. Nella maggior parte dei casi la questione non è una difettosità del prodotto ma un utilizzo non confermo come l'utilizzo sotto pressione oppure un errato montaggio etc, ma naturalmente se si dovesse riscontrare un problema legato al pneumatico si procede con la sostituzione. Ad ogni modo, il dialogo diretto he ci consente questo blog è la prova migliore che ho per dimostrarvi l'apertura che abbiamo nei confronti dei motociclisti...giusto? Vedrai che le Sportec M5 Interact non ti deluderanno, anzi aspetto di leggere qui su questo forum una recensione da parte tua! Luca Zaccomer

    • GIUSEPPE SENZA PAROLE... PRIMI 200 KM CON LE M5 SUL MIO BANDIT 1250. GRANDE REATTIVITA,STABILITA E PRECISIONE UNITE AD UN GRIP INFINITO,,,E' STATO UNO SCHERZO PORTARLA AL LIMITE DI PIEGHA 5 TACCA SUPERATA, PERCHE' LA SENSAZIONE CHE SI AVVERTE E DI ESTREMA SICUREZZA,, VERAMENTE CONTENTO DELLA SCELTA ,,, SALUTI,,

    • alessandro veramente avete fatto un ottimo lavoro ho provato quasi tutti i vostri prodotti e su diverse moto e devo dire che siete sempre il top complimenti le m5 vanno molto bene (1500 km perfetta tenuta ) staremo a vedere la durata del feeling ma sono molto ottimista

    • fabio Ciao io sono molti anni ke vado in moto e prima usavo altre marke ma da quando hanno fatto la M3!!!!! be posso dire ke e ' una grande gomma.Poi e arrivata lei la M5 !!!! vi posso garantire e la migliore in asssoluto GRIP,TENUTA STABILITA VELOCE IN SERIMENTO.EC.EC.COMPLIMENTI ALLA METZELER.

    • Kawasaki Ninja ZZR 1400, regina del quarto di miglio con gli Sportec M5 Interact! | Ridexperience Italia [...] negli USA la Kawasaki ZZR Ninja 1400 ha vinto lo scettro di miglior moto del 2012 mentre i nostri Metzeler Sportec M5 Interact continuano a stupire gli appassionati e gli addetti del settore per le prestazioni, il grip e la [...]

ROAD RACING 2014

ultimi commenti

iscriviti